LA DEPUTAZIONE

chi siamo

La Deputazione è un organismo laico che da più di 500 anni ha il compito e la responsabilità di promuovere il culto di San Gennaro e di custodirne le reliquie – ovvero il Busto che contiene la testa del Santo e la teca che accoglie l’ampolla con il suo sangue – e il Tesoro, l’ inestimabile patrimonio di oggetti in oro, argento, bronzo e pietre preziose dedicato al Santo e al culto eucaristico che si tiene nella Cappella.

La Deputazione ha le sue radici negli antichi sedili del Patriziato e del Popolo Napolitano, cui un tempo era affidato il governo della nostra Città. Difatti i sedili erano cinque: Capuana, Portanova, Montagna, Nido e Porto, oltre a quello del Popolo. E ciascuno di essi forniva due rappresentanti. La Deputazione è da intendersi come una sorta di assessorato e così costituita esprimeva tutta la Città nelle sue parti fondamentali: nobiltà e popolo. Dieci deputati erano eletti tra i membri dalle famiglie più insigni dell’aristocrazia mentre i rappresentanti del popolo erano espressione della borghesia colta e imprenditoriale. Come si legge nell’atto fondativo, la Cappella sarebbe stata proprietà di tutti i cittadini di Napoli, e lo è ancora oggi.

L’albero con i Sedili di Napoli

Da allora la Deputazione la amministra, la tutela e ne mantiene il carattere e la proprietà laicale. Dai primi dell’Ottocento, dagli anni del dominio francese, la presidenza della Deputazione è affidata al Sindaco di Napoli pro tempore, nonostante abbia solo un ruolo onorario e l’amministrazione sia affidata a un vicepresidente eletto tra i Deputati. Far parte della Deputazione non è un fatto semplice: gli aspiranti e i possibili candidati devono superare il vaglio del Ministero dell’Interno dello Stato italiano e ottenere il gradimento dell’Arcivescovo, tutto ciò a riprova e a conferma del fatto che la Deputazione è un organismo di alta rappresentanza civile, morale e religiosa.

I MEMBRI DELLA DEPUTAZIONE

Dal 1811, in attuazione del “Bollettino delle Leggi”, emesso da Gioacchino Murat, la Deputazione è presieduta dal primo Cittadino di Napoli (Sindaco). Ancora oggi, in continuazione di questa solida e lunga tradizione, la Deputazione è così composta:

  • On. Luigi de Magistris – Presidente
  • Duca Don Riccardo Carafa d’Andria – Vice Presidente
  • Gr.Uff. Dott. Mariano Bruno
  • Conte di Castelrosso Don Agostino Caracciolo di Torchiarolo dei Principi di Avellino
  • Duca di Novoli Don Girolamo Carignani di Carignano
  • Don Augusto Cattaneo dei Principi di Sannicandro
  • Marchese Don Riccardo Imperiali dei Principi di Francavilla
  • Ing. Giampiero Martuscelli
  • Duca Don Giovanni Pignatelli della Leonessa dei Principi di Monteroduni
  • Marchese Don Pierluigi Sanfelice dei Duchi di Bagnoli dei Duchi di San Cipriano
  • Don Mario Carignani di Carignano dei Duchi di Novoli
  • Don Giuseppe Caracciolo di Brienza

mentre un Collegio di 12 Prelati Cappellani, presieduto dall’Abate Tesoriere, Monsignor Vincenzo De Gregorio, sovrintende ai riti ed a tutti gli aspetti religiosi connessi.

Le Bolle Papali, i Bollettini delle Leggi e lo Statuto interno, dal 1605 ad oggi, confermato il ruolo della Deputazione, sottolineando l’importanza che questa ha avuto, ed ha, per Napoli e per il Suo Santo Patrono.

‘Cos’è la Deputazione?’ Guarda l’intervista al Duca di Novoli Don Girolamo Carignani di Carignano, Deputato della Cappella del Tesoro di San Gennaro