La Cappella

Storia

storia

La storia della Reale Cappella del Tesoro di San Gennaro è assolutamente singolare e si fonda nel rapporto viscerale tra il popolo di Napoli e il proprio Santo protettore. La Cappella, che si trova all’interno del Duomo di Napoli, non appartiene, infatti, alla Diocesi, bensì ai napoletani. Varcato il cancello monumentale che la separa dal duomo, si apre uno spazio sacro governato da un organo laico: la cosiddetta Deputazione. Può sembrare strano parlare di miracoli, fede e laicità e in effetti lo è, ma questa è Napoli: una città che è riuscita a trasformare il culto per San Gennaro in un rito collettivo.

Spadaro-Eruzione-del-Vesuvio-e-processione-delle-reliquie-di-San-Gennaro

Nel 1526 Napoli era stremata da una lunga serie di flagelli: la guerra tra gli Angioini e gli Spagnoli, il Vesuvio che, tra eruzioni e terremoti, costringeva i Napoletani in una situazione di costante pericolo e, non ultima, una tremenda peste che aveva provocato la morte di diecine di migliaia di persone. I napoletani, ormai sfiniti, decisero di rivolgersi a San Gennaro con un voto pubblico affinché ponesse fine a queste calamità e gli promisero che, in cambio della grazia, gli avrebbero dedicato una Cappella senza pari. Fu così che, il 13 gennaio 1527 il popolo di Napoli, alla presenza di un notaio, s’impegnò solennemente con il Santo, chiedendogli l’intercessione per la cessazione della peste e firmando, in tal senso, un vero e proprio contratto. San Gennaro era considerato fisicamente presente attraverso le sue reliquie e davanti ad esse e ad altri tre notai, i componenti di una Deputazione appositamente costituita firmarono a nome della città.

Il patto con Napoli

La Cappella: maggiori informazioni

initial image

Gli interni

Un gioiello di arte e architettura nel cuore di Napoli

initial image

Gli argenti

La più grande collezione di argenti al mondo

initial image

L’altare e il tabernacolo

Capolavori del barocco napoletano che racchiudono il tesoro più prezioso

initial image

L’archivio

Oltre 6000 pezzi, tra fascicoli e registri, e circa 320 libri